Skip to content

Menu principale

Scegli regione e lingua
Close

La sfida maggiore nell’era digitale: dati aziendali a prova di futuro

I dati del XXI secolo pongono i responsabili di stabilimento di fronte a un dilemma moderno: come conservare le informazioni aziendali quando gli sviluppi tecnologici sono sempre più incalzanti.

Anzi, il ritmo del progresso è tale che, se i responsabili di stabilimento non iniziano a pensare alle modalità di conservazione dei dati aziendali e a come sarà possibile accedervi in futuro, tra appena 10 anni i registri principali delle aziende potrebbero essere del tutto illeggibili.

I software diventano obsoleti di continuo, dalle e-mail abbandonate sul server Lotus Notes, ai file redatti in Word Perfect, passando per i file audio conservati in formato MP3, i videoclip salvati con l’estensione .MOV e persino i file antiquati di Auto Cad 7. Lasciandoli in archivio ancora a lungo, a breve diventeranno tutti illeggibili.

È incontestabile che serva accedere sul lungo termine a informazioni, contenuti e dati aziendali fondamentali, ma il tutto può trasformarsi in un garbuglio con miriadi di opzioni rese ancora più ostiche da un linguaggio tecnico. Ciononostante, è possibile iniziare con piccoli passi, ad esempio limitandosi a caricare soltanto 1 terabyte dei dati più fondamentali.

Ecco un programma articolato in sei punti per i responsabili di stabilimento che illustra come muovere i primi passi verso la conservazione digitale a lungo termine.

  1. Svolgere audit La prima fase prevede di ottenere un quadro preciso delle informazioni a propria disposizione al momento, prima di procedere a un esame approfondito di quelle da scartare e quelle da preservare; ad esempio, occorrerà decidere se conservare la “memoria aziendale” o se rispettare i requisiti legali o normativi.Da un punto di vista legale e normativo, la gamma di documenti da conservare varierà considerevolmente in base all’azienda e può comprendere dati necessari a ottemperare alle normative edilizie, ai regolamenti in materia di protezione dei dati, a contratti, brevetti e marchi, e molto altro.
  2. Assimilare La fase successiva prevede di delineare come “assimilare” o caricare dati che un’azienda ritiene di valore e che quindi desidera conservare per il futuro. Durante la ricerca del partner ideale, è opportuno chiedersi se abbia a disposizione strumenti grazie ai quali i profani potranno assimilare dati allo stesso modo degli esperti di archiviazione. Sul lungo termine, il caricamento quasi istintivo dei dati da parte degli utenti potrebbe rivelarsi il metodo più sostenibile. A tal fine, si possono sviluppare semplici procedure guidate. È opportuno estendere il supporto anche all’assimilazione automatica di alcuni dati, ad esempio il metodo BagIt, immagini ISO del disco, contenuti digitali e grandi collezioni di dimensioni superiori a 10 terabyte.Occorre adottare misure di garanzia della qualità per conservare opportunamente i contenuti, ad esempio verificando che i metadati siano precisi e determinando al contempo la presenza di eventuali virus.
  3. Conservare i dati Ora esistono tecnologie che semplificano l’abbandono graduale dei formati obsoleti di file. Gran parte di questo processo si può automatizzare ed è possibile strutturare la migrazione di oltre 1.200 formati di file affidandosi a strumenti quali DROID, PRONOM e i registri Linked Data Registries. In questo modo si possono conservare persino i file compressi o quelli incorporati in MS Office.
  4. Gestire i dati Non ha senso fare salti mortali per garantire che in futuro i dati siano accessibili se in primis non sono gestiti ora. Di conseguenza, i sistemi che offrono strumenti e flussi di lavoro per la gestione dei dati sono fondamentali. Gestire e modificare i metadati dei contenuti diventa semplice con modelli quali EAD, MODS, Dublin Core o lo Schema XLM dell’azienda.
  5. Archiviare È essenziale poter scegliere liberamente dove e come archiviare i contenuti digitali, una scelta che dipende dalla frequenza di accesso desiderata. Adottare un modello di archiviazione ibrido articolato in cloud storage e archivi fisici in loco potrebbe rivelarsi la soluzione più efficiente. Al momento, Amazon S3/Glacier e Microsoft Azure sono alcune delle applicazioni cloud più utilizzate. Per una maggiore tranquillità, però, occorre valutare anche in che modo i sistemi consentono di salvare i dati su un server FTP esterno, ad esempio un disco locale. Per evitare di perdere i dati, una soluzione potrebbe essere creare copie molteplici in vari formati.
  6. Condividere Oltre a conservare i dati per il futuro, molte aziende desiderano anche renderli accessibili e condivisibili, a volte sia all’interno che all’esterno. Pertanto, valutare attentamente se il modello di archiviazione al vaglio soddisfa tale esigenza.

Le risorse tecnologiche per conservare dati e contenuti preziosi in modo moderno e personalizzato esistono già; le aziende devono aprire gli occhi e capire che occorre attivarsi prima che sia troppo tardi.

Approfondire la conservazione digitale

Speech Icon

Parla con uno dei nostri esperti

Contattaci

Volete capire meglio se un nostro servizio può aiutarvi a risolvere un problema, o vi interessa un preventivo basato sulle vostre esigenze? Contattate subito uno dei nostri esperti nella gestione di archivi e documenti aziendali.